Covid-19: Militari e Civili dello Stabilimento Militare Propellenti di Fontana Liri in prima linea contro il Coronavirus

Parte del personale militare e civile dello Stabilimento Militare Propellenti (SMP) di Fontana Liri (FR) – unità produttiva dell’Agenzia Industrie Difesa – sta per essere inviato presso l’azienda bolognese Siare Engineering, principale produttrice italiana di respiratori polmonari per terapie intensive.

Il Ministero della Difesa, con le sue articolazioni sanitarie, logistiche, operative ed industriali, è impegnato in prima linea per l’emergenza Coronavirus sul territorio nazionale, in stretta collaborazione con le altre istituzioni. Nello specifico, la Difesa coopera anche alla produzione di respiratori polmonari.

Al riguardo il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha dichiarato: “È una situazione di emergenza e ho colto immediatamente il progetto di collaborazione tra la Difesa e l’industria civile per la produzione di respiratori polmonari destinati ai reparti di terapia intensiva”. Il personale, per un totale di 25 unità, collaborerà alla produzione di 2.300 apparecchiature per una fornitura da completare entro il prossimo luglio, ma che probabilmente vedrà la commessa raggiungere quota 5.000 unità, da consegnare entro dicembre 2020.

Per l’attuazione di questo progetto di collaborazione che coinvolge l’unità produttiva di Fontana Liri, l’ing. Gian Carlo Anselmino, Direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, ha incaricato il Magg. Antonio Favale, attuale Vice Direttore dello Stabilimento, nonché responsabile e coordinatore delle attività dello stesso.

Per lo storico opificio fontanese, l’inserimento di proprio personale militare e civile in questo progetto produttivo, fortemente voluto dall’ing. Anselmino, rappresenta un ulteriore riconoscimento dell’importanza e del prestigio dello stabilimento, che ha così l’occasione di mettere in campo tutta la sua esperienza e le sue potenzialità. Lo SMP è altresì intenzionato a partecipare anche ad altri progetti produttivi nel settore dei prodotti igienizzanti e sanificanti, nel cui ambito l’opificio potrebbe offrire un prezioso contributo in virtù dei suoi impianti e laboratori chimici.